Parlar di Rivoluzione… mangiando dal supermarket?

Ma parla come mangi !!!

consumismo.jpg

Questo è quello che il “popolo porco” ha sempre detto a chi parla in maniera artificiosa per mascherare la sua realtà ed è anche quello che da anni mi ronza nella testa, quando tutti i più grandi discorsi    “rivoluzionari“ “legalisti” e “illegalisti” finiscono passando o non passando dalla cassa di un supermarket, quando attaccando il Potere  si è dipendenti dal Potere non riuscendo ad andare oltre: ed è questo oltre che mi interessa!

consumismo3.jpg

Come fare a sganciarmi dal giogo-gioco di “guardie e ladri” inventando qualcosa dove non ci sia posto ne per guardie ne per ladri!
Uscire dalla sopravvivenza ed entrare nella vita; dove tutto quello che fai sviluppa le tue energie, le accresce, le moltiplica, togliendo sempre più spazio al Potere togliendogli l’aria di cui si nutre si gonfia e si tronfia : dimostrare concretamente che IL RE E’ NUDO!!!
Non penso di essere il solo o da solo nella storia e in quello che viviamo ad avere questo tarlo in testa, infinite esperienze legate da un filo ideale si sono spinte in questa direzione, ma su un filo ideale, mentre il Potere concretamente fa economia, capitalizza riuscendo a lucrare, ingrassandosi, anche con quel famoso filo ideale triturando il tutto all’interno delle sue logiche di mercato.

Per fare un esempio banale ma che molti di noi hanno vissuto, i famosi anni 70, nei quali le strade, le nostre case, le nostre sedi e le nostre tasche erano piene di carte che vomitavano le peggio cose contro potere e capitale ma che in ogni caso ingrassavano le industrie cartiere.

multinazionali2.gif

Ora faccio un’ipotesi altrettanto banale: se nei famosi anni 70 ci fosse stata una nostra cooperativa di cartieri o una cartiera socializzata magari parte di quella tonnellata di miliardi sarebbe rimasta all’interno di un nostro circuito economico magari reinvestita, così incominciando a creare le basi concrete di un’altra economia. Se poi, questa banale ipotesi si allargasse ad un arco storico più ampio magari alle nostre origini, tenendo conto dei quantitativi umani influenzati dalle nostre idee e dei loro relativi bisogni ci resta facile immaginare i risultati; molto probabilmente non avremmo più un mondo nuovo solo nei nostri cuori ma lo avremmo anche intorno a noi; sicuramente almeno per un pezzettino ( quel poco di Anarchia possibile come qualcuno diceva).

Ma la Storia non si fa con i “se” ma nemmeno rincorrendo lucciole scambiandole per lanterne, io penso che si faccia molto più banalmente, collegando tra di loro in maniera intelligente piccole cose che diventano parti di un progetto concreto e preciso di trasformazione sociale e non di un ipotesi filosofica ( e, come dice sempre quel famoso “popolo porco” la filosofia non riempie la pancia, considerando sempre che, un sacco vuoto non sta in piedi manco da solo )

A questo punto, i “Puristi del Pensiero“ e i cultori della politica ovvero, come dice sempre quel famoso “popolo porco” del quale mi onoro di far parte, dell’arte di fregare il prossimo insorgeranno accusandomi di “anarchismo bottegaio“ cosa che mi inorgoglisce visto che sono un anarchigiano. E…poi…tanto per tagliar corto, vorrei consigliare a chi eventualmente avesse perso memoria di dare una guardatina alle nostre origini e a quella dell’Internazionale dei Lavoratori.

Chiuso i preamboli veniamo al dunque: Da anni ormai, rianalizzando l’ultima sconfitta disastrosa subita e vissuta direttamente nell’anni 70, mi son ritrovato a pensare che l’unico modo per battere il Capitalismo sia batterlo lì dove lui fonda le sue radici, dove trova la sua linfa vitale, dove si costituisce ovvero l’economia; costruire un’ economia diversa, che garantisca l’espressione di una socialità diversa, che trasformi il quotidiano giorno dopo giorno elevando sempre più la qualità della vita, che dimostri in maniera inequivocabile che si può, che l’utopia è un’invenzione del Potere, che l’Emancipazione è realmente nelle nostre mani, che la Rivoluzione è una cosa banale come andare a lavorare e che quindi tutti la possono fare giorno dopo giorno strappandola, finalmente, dalle mani degl’Eroi!.. e, che dà anche, più capacità, forza e resistenza nello scontro diretto e quotidiano col “padrone”.

fotousi.jpg

Da anni ormai, in molti, in modi diversi e in cose diverse abbiamo cercato di costruirci qualcosa che fosse più in relazione con le nostre idee e con le nostre esigenze, chi in ambiti rurali e chi in ambiti urbani, abbiamo costruito una ricchezza culturale e materiale abbattendo il muro tra lavoro manuale e lavoro intellettuale, il che non è poco, ora bisogna incominciare ad allargarsi altrimenti rischiamo di rimanere schiacciati dal peso della nostra stessa fatica, dei nostri anni e di un mondo balordo sempre più difficile da ribaltare, diventando di fatto la peggior propaganda di noi stessi perché fatta solo di sconfitte.

Da un po’ di tempo abbiamo incominciato a confrontarci sulle nostre esperienze, verificando la necessità di collettivizzare i nostri percorsi in modo da renderli più visibili e quindi accessibili, l’Autogestione è tornata finalmente come necessità unica ed essenziale per costruire un percorso di Emancipazione e il Mutualismo è la spina dorsale di questo percorso.
Attrezzare l’economia che già abbiamo e che necessita sviluppare deve essere il nostro impegno per dare base concreta della società AUTOGESTITA che vogliamo e, l’Anarchismo torni ad essere, finalmente, la Pratica dell’Emancipazione Sociale!

Gino Ancona
Sindacato Arti & Mestieri
U.S.I.-A.I.T.
Tel. 333 4124262

rivoltalibera@libero.it
 

 

A proposito di Spacci Popolari Autogestiti

Sempre per quella famosa questione della serie – complichiamo tutto così non se ne fa niente – scrivo per cercare di semplificare e quindi fare.

Da sempre, in linea di massima, i Compagni lavorano per il Capitale ( in termini concreti ) sia come produttori che come consumatori ( del resto quello che il Capitale ha bisogno ), riservandosi una certa “libertà” mentale per sostenere momenti di critica che può assumere anche forma di ribellione ma che rimane strettamente vincolata e dipendente da quello che in concreto si produce – Capitale -.

Mi viene a mente, quello che troppo spesso mi son sentito dire da Compagni più avanti di me, quando, da ragazzino, li interrogavo sul che fare e la risposta, in sintesi, era sempre la stessa – propagandare l’Idea! perché finché non abbatteremo questa società infame tutto quello che faremo non verrà dalla fonte della Libertà e non sarà fonte di Libertà – il che sembra riconfermare la questione di sopra.

Nel frattempo ci sono Compagni che per motivi diversi o per avversione quotidiana a questa società sì son ritrovati a lavorare in proprio in settori diversi, dall’agricoltura ai servizi e per necessità di sopravvivenza il loro lavoro viene ugualmente venduto al Capitale, mentre altri Compagni sempre per sopravvivere sono costretti a comprare dal Capitale, magari, le stesse cose che quegl’altri Compagni hanno prodotto, tutta l’operazione ha un aggravio di costi tutto a beneficio del Capitale.

La cosa più divertente è che questi compagni s’incontrano spesso per complottare contro il Capitale, propagandando l’Idea, mettono su “organizzazioni” per liberare il lavoro dalla tirannia del Capitale e per dirindindina non riescono ad organizzarsi per arricchire meno il Capitale risparmiando sulla spesa e poi si lamentano pure che – non hanno i soldi per propagandare L’Idea, come meriterebbe, mentre il Capitale riesce sempre perché ha i soldi – .

Beh.. gli S.P.A. ( Spacci Popolari Autogestiti ) sono l’anello economico di congiunzione tra Compagni ( per incominciare e poi si vede ) per sottrarre quante più energie possibili al Capitale rimettendole in circolo tra Compagni migliorandoci l’esistenza … e … vi assicuro che anche l’Idea ne viene a guadagnare.

per la Rivoluzione Sociale
Gino Ancona
Arti e Mestieri U.S.I. – A.I.T.